Simo*


A me piacciono i ragazzi terra terra

Ieri l’ho rincontrato.
Mi ha fatto un cenno con la mano da lontano e mi ha detto all’orecchio che dobbiamo rivederci prima di giugno.
Non so fino a che punto possa esserci davvero interesse da parte sua. Da parte mia non lo so, perché continuo a dimenticarmelo. Anzi, ieri notte mi sono sorpresa di averlo riconosciuto, visto che il suo volto ancora fatico a memorizzarlo, tendendo a resettare tutto ciò che lo riguarda nel giro di poche ore. E questo fatto la dice lunga sul suo gran carisma e sulla mia memoria che, di solito quando si tratta di memorizzare volti, è praticamente imbattibile. Invece con lui non c’è niente da fare. Quando lo vedo – o meglio quando lui mi vede – mi si spengono le sinapsi e le connessioni cervello/occhi. Gli occhi guardano il suo viso ma in realtà è come se vedessi una nuvoletta sfuocata, come in quelle interviste dove l’intervistato non vuole farsi riconoscere. Anche dopo l’ultima volta che ci siamo visti, ricordavo perfettamente com’era vestito (tutto tutto, compresa la marca della cinta e l’orologio), ma nient’altro.
Perché il mio cervellino rimuove continuamente la sua immagine? Mi vuole forse far capire qualcosa?

Prosegui la lettura »


A complicated post

Volevo scrivere qualcosa sul Festival di Sanremo. Ma ormai è troppo tardi. Ho lasciato passare più di una settimana e ormai nessuno si ricorda nemmeno che c’è stato un festival qualche giorno fa.
Avevo in mente di scrivere qualcosa di brillante e ironico su quella che si preannuncia una fantastica campagna elettorale, ma poi ho visitato il sito di Daniela Santanchè e ho capito che non sarei mai riuscita a toccare vette di comicità così elevate. Consiglio di visitare e di leggere attentamente la sua biografia, la "Daniela Santanchè Story". De Amicis in confronto a lei diventa un Federico Moccia qualsiasi. 
Poi ho immaginato di scrivere di questa nuova settimana e delle nuove lezioni, ma, ogni volta che scrivevo le prime dieci parole, crollavo addormentata dalla noia nella tastiera.
Infine volevo dedicare un post sull’amore, sulle donne, sui sogni che si possono realizzare eccetera eccetera prendendo spunto dal film visto mercoledì su Raiuno ("Pretty woman") . Ma, purtroppo, mi sono addormentata più o meno a metà film e non ho potuto vedere il colpo di scena finale[*]. E non è da sottovalutare nemmeno lo shock che ho avuto quando, riaprendo gli occhi dopo circa due ore, mi sono vista il faccione truccatissimo di Berlusconi, al posto del sorriso sornione – ma sempre abbastanza affascinante –  di Richard Gere. I primi 5 secondi ho pensato sul serio che, di questi tempi, il Cavaliere fosse arrivato addirittura ad insinuarsi anche nei film.

Prosegui la lettura »


Criceti in sciopero

Mi sembra così strano svegliarmi la mattina e non avere niente da fare. Mi sto godendo questi pochi giorni di ritrovata libertà, prima di riprendere lunedì con la solita vita. Grazie a Dio. Non vedo l’ora di incasinarmi di nuovo la vita con orari, lezioni e argomenti da studiare. Non sono fatta per restare troppo tempo con le mani in mano. Sono solo due giorni e già non sopporto più questo eccesso di tempo libero. Sono fatta così: devo essere sempre in tensione, fissarmi degli obiettivi e delle scadenze da rispettare. E preoccuparmi, per avere dei pretesti per lamentarmi. Come mi piace lamentarmi di tutto e di tutti. Sono una lagna quando mi ci metto. Sono fatta così, ho proprio il gene della "lagnità", e chi deve sopportarmi di solito sono i miei genitori e le mie amiche. Che sante persone! Sono un’odiosa secchiona lagnona stacanovista. Fossi qualcun’altra credo che mi odierei da morire.

Prosegui la lettura »


Somiglianze (???)

Anziché studiare francese, girovagando per il mare di Internet mi sono imbattuta in questo sito curioso in cui è possibile scoprire a quale personaggio famoso si somiglia di più.

Prosegui la lettura »


Statistiche di una festa di Carnevale qualunque


Sono proprio le serate come questa che servono per risollevarti il morale e riappacificarti con il mondo intero, almeno per un po’ di tempo. Bella gente, musica ancora più bella (Ramones e Clash su tutti…e cosa voglio di più dalla vita?), tante foto che non ricordo nemmeno di aver fatto. Ma questo è tutto un altro discorso.
E adesso posso archiviare anche questo Carnevale 2007. Passato troppo in fretta, forse perché ha trovato solo lo spazio di una serata.

Piccolo resoconto della festa di sabato scorso.
Tema della festa: Gli anni Settanta, ma non mancavano le maschere “fuori tema”.
Maschera “fuori tema” più gettonata: Pirata
Maschera migliore: la mia, che domande!!!
Temperatura dentro la casa: +40° C
Temperatura in veranda: -5° C
Numero di invitati: 50, invitato più, invitato meno
Concentrazione di persone per mq: 306
Concentrazione di bicchieri per mq: 25
Grado di entusiasmo all?inizio della serata: 32%
Grado alcolico generale all?inizio della serata: 0,00000001%
GinLemon bevuti: un numero compreso tra 6 e 10 (non ricordo)
Grado di entusiasmo dopo i GinLemon: 90%
Grado alcolico generale verso mezzanotte: 85%
Volte che mi hanno cantato la canzone dell?Ape Maia: 3
Persone che mi hanno cantato questa canzone: 1
Simpatia della persona che cantava: – 55
Simpatia degli altri invitati: 60/100
Canzone della serata: Dancing Queen degli Abba
Tempo impiegato per trasformare il pavimento in una pista da pattinaggio su ghiaccio: 30 minuti
Scivoloni fatti ballando: 30
Bicchieri usati: dai 300 ai 400
Piatti usati: 150
Tempo impiegato per passare da una stanza all?altra: 15 minuti
Sigarette fumate: 7 (solo?)
Foto scattate: 47
Foto in cui appaio anche io: 12
Percentuale di foto che non ricordo di aver scattato e/o fatto: 80%
Percentuale di foto che invece ricordo: 15%
Foto ?accidentali? a pavimento, muri e mani: 5%
Volte in cui ho rischiato di perdere le antenne: 3
Grado alcolico generale a quasi fine serata: n.p. (non pervenuto)
Ultima canzone prima di andare via: I Fought The Law dei Clash
Mal di testa a fine serata: n.p.