Simo*



A me piacciono i ragazzi terra terra

Ieri l’ho rincontrato.
Mi ha fatto un cenno con la mano da lontano e mi ha detto all’orecchio che dobbiamo rivederci prima di giugno.
Non so fino a che punto possa esserci davvero interesse da parte sua. Da parte mia non lo so, perché continuo a dimenticarmelo. Anzi, ieri notte mi sono sorpresa di averlo riconosciuto, visto che il suo volto ancora fatico a memorizzarlo, tendendo a resettare tutto ciò che lo riguarda nel giro di poche ore. E questo fatto la dice lunga sul suo gran carisma e sulla mia memoria che, di solito quando si tratta di memorizzare volti, è praticamente imbattibile. Invece con lui non c’è niente da fare. Quando lo vedo – o meglio quando lui mi vede – mi si spengono le sinapsi e le connessioni cervello/occhi. Gli occhi guardano il suo viso ma in realtà è come se vedessi una nuvoletta sfuocata, come in quelle interviste dove l’intervistato non vuole farsi riconoscere. Anche dopo l’ultima volta che ci siamo visti, ricordavo perfettamente com’era vestito (tutto tutto, compresa la marca della cinta e l’orologio), ma nient’altro.
Perché il mio cervellino rimuove continuamente la sua immagine? Mi vuole forse far capire qualcosa?

Come dicevo l’ultima volta che ci siamo visti ricordo perfettamente il suo abbigliamento, non tanto perché fosse particolare (i capi presi singolarmente potevano avere anche un loro perché), ma nel suo insieme – e con questo ci aggiungo anche la macchinona – aveva un effetto troppo esagerato e vagamente ostentato.

Gli occhiali da sole mi hanno subito fatto venire in mente Kill Bill (il volume 1) e gli occhiali da sole dell’infermiere, che io non metterei nemmeno se Bill in persona mi dovesse minacciare di morte con la sua katana. Per chi non avesse idea di cosa sto dicendo, gli occhiali sono questi.
L’orologio aveva il cinturino bianco e fin qui niente di strano. Ma, anziché il solito banale quadrante, c’erano quattro piccoli quadrantini che hanno fatto nascere in me tanta curiosità.
Allora, posto che uno serva per segnare l’orario, gli altri tre a cosa potranno mai servire? Segnano la data? Segnano diversi fusi orari? E a me che interessa sapere in ogni momento che ad Honk Kong è pomeriggio inoltrato, mentre a Los Angeles è ancora la mattina del giorno prima? Segnano la pressione atmosferica? Le fasi lunari o l’umidità dell’aria o, addirittura, gli spostamenti dell’anticiclone delle Azzorre? E perché non anche la temperatura in gradi Celsius, Farenheit e Kelvin contemporaneamente? Tutte cose estremamente inutili, a meno che lui non faccia Giuliacci di cognome e allora tutto quadrerebbe. La mia amica mi ha informata che quell’orologio è molto di moda e lo indossa persino un non meglio precisato tronista di Uomini e Donne. (Ah beh…quest cambia davvero tutto). Ergo, leggendo tra le righe, sono una pazza a non trovarlo bellissimo!

Non so se ci rivedremo ancora. L’ho trovato simpatico ma insopportabile quando, mentre raccontava, trovava normalissimo parlare di viaggi dall’altra parte del mondo, di amiche che si sono rifatte questo e quello, di vacanze a Porto Cervo, in posti in cui io potrei entrare solo con la possibilità di poter pagare in organi umani, di trascorrere un anno all’estero solo per studiare la lingua (alla faccia e, soprattutto alle spalle del papy). E ho trovato insopportabile la sua aria meravigliata quando gli ho detto che studiavo ("alla fine la laurea non serve a nulla!"), che d’estate lavoravo ("scusa cosa vuol dire il verbo lavorare?"), che conosco l’inglese non perfettamente ma abbastanza per capire e per farmi capire, pur non essendo mai stata in Inghilterra o negli Stati Uniti, che trovavo più divertente una semplice serata con amici, qualcosa da bere e quattro risate piuttosto che farmi vedere nei migliori locali di Cagliari.
Forse rappresenta tutto ciò che di più lontano da me ci possa essere. Forse sono io che parto con tanti pregiudizi e mi lascio influenzare da questi. Forse mi sento troppo in soggezione rispetto ad un modo di vivere e di pensare che non concepisco. O forse sono semplicemente gelosa perché, in fondo, anche io vorrei poter andare in giro in Mercedes, avere addosso vestiti che costano più del prodotto interno lordo di uno stato africano a caso, non fare una beata mazza, diplomarmi alla scuola privata senza imparare nulla, viaggiare in lungo e in largo e avere sempre papà come finanziatore a fondo perduto. Mah…forse una vita di apparenze sarebbe bellissima.

Ed io? Ho la patente ma non ho la macchina, ogni tanto mi concedo qualche capo di marca e mi complimento con me ogni volta che trovo qualcosa di bello a meno, studio e faccio tutto quello che faccio con mille sbattimenti ma comunque soddisfatta, i miei viaggi, che non saranno tantissimi e nemmeno in posti esotici, ma, come ricordi, valgono come due giri del mondo messi assieme. 
Sono una ragazza terra terra. Orgogliosissima di questo!




Commenti

  1.    1 marco says:

    1-2-3….. applausi!!!

    Posted 10 Maggio 2008, 17:42
  2.    2 gnaraBreSa says:

    ehi ciao!Sai che mi rispecchio molto in te? Sono anch’io un’ariete testarda,orgogliosa e determinata, e come te amo le cose semplice,rimanendo ogni giorno sempre più stupida di chi ha tutto facendo il minimo sforzo,o peggio ancora,non facendone proprio.

    Passa a trovarmi,se ti va

    Miki

    Posted 10 Maggio 2008, 20:58
  3.    3 mat says:

    ho già inquadrato il tipo…non mi sorprende che nn ti ricordi nemmeno il viso..

    ;)

    ciao simo!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Posted 11 Maggio 2008, 15:58
  4.    4 *Là* says:

    Ciao Simo*

    Sinceramente credo che “quel” tipo di persone riescano difficilmente ad affezionarsi a qualcosa/qualcuno, tanto sono abituate ad avere sempre ciò che vogliono per poi rimpiazzarlo.

    Si dice che ‘gli opposti si attraggono’ ma è anche vero che se i pricipi sono differenti difficilmente ci si incontra!



    Può avere il suo fascino ma…ne vale la pena?



    E’ probabile che tu abbia desiderato essere al suo posto ma è normale: chiunque sa effetivamente il Vero significato della parole > lungo il proprio percorso sogna ed immagina una vita più ‘leggera/facile’, ma una vita basata sulle apparenze che senso ha?!! Non vale di più una vita concreta vissuta fino in fondo secondo i propri personalissimi gusti?!! Che importa se alcuni non condividono, ognuno deve vivere la propria vita,mica quella degli altri!!!



    Ma Tu ‘Ragazza Terra Terra’ tutto questo lo sai già :)

    Allora “Buona Settimana” Amica Mia!!!

    Ti penso!!!! ;)

    *Là* Orgogliosissima della “Simo* Ragazza Terra Terra” ;D

    Posted 12 Maggio 2008, 19:25
  5.    5 Simo* says:

    @ marco: grazie!!

    @gnarabresa: già, anche io non riesco ad abituarmi a questo tipo di gente. Un bacione

    @ mat: già, non sorprende nemmeno me ;)

    @ Là: non aggiungo altro. Ti voglio bene :*

    Posted 18 Maggio 2008, 17:54